: Come Un Soffione :

C’è che non c’è più dolcezza nelle tue parole.
A volte la si ritrova soltanto in qualche sguardo, per caso.
C’è che avrei voluto sostenerla, quell’espressione tutta tua.
Trattenere tutto ciò che prima si poteva scoprire, e cercare ciò che non si può più trovare, che è andato perso non so dove.
C’è che avrei voluto guardarti negli occhi, mentre il filo si spezzava. Mentre mi tenevi la mano. Quante cose stese per nulla, ad asciugare. Quante ne ho raccolte io. Quante ne ho volute riciclare.
C’è che vorrei soffiare via tutte queste spine dentro. Come un soffione.
Perché è così che deve andare: quando è tempo, si deve soffiare.
Via tutto, via ciò che è rimasto attaccato col tempo, che si è trasformato aggrappato al ricordo, che era petalo colorato e profumava e che ora è solo un ciuffo di peli bianchi inodore. Via, che voli via, che vada dove deve andare.
Ma tu lì, ferma. Inspira, prendi tutta l’aria che puoi e poi soffia.
E fallo forte. Fortissimo. Perché certe cose non se ne vogliono proprio andare. Certe cose riesci a malapena a strapparle al cuore e a farle arrivare alla mente, perché ti restano aggrappate al respiro, al fiato, e … difficilmente ti abbandonano.

 


[ immagine trovata nel web ]

 

Annunci

2 thoughts on “: Come Un Soffione :

  1. BELLA!!! Va che ai soffioni fai prima a dargli fuoco!!!

    :-D

    Quindi più rabbia e meno filosofia. Soffia sulle candeline, soffia in faccia alla gente dopo aver fatto un bel rutto alla cipolla.

    Ma qui, dai gas e sfiamma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...